Cruze Italia Forum

il primo forum italiano completamente dedicato alla Chevrolet CRUZE. Il forum é gestito completamente dagli utenti e non ha alcun collegamento con le politiche commerciali/aziendali della casa madre e della Chevrolet Italia. Forum creato l' 11-07-2009


    Economia e politica, la situazione è drammatica

    Condividere
    avatar
    gatstrac
    frequentatore
    frequentatore

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da gatstrac il Mar 13 Dic 2011, 09:52

    spapix ha scritto:...se lo stato non potrà ripagare l'oceano di titoli di stato che ha emesso semplicemente ci rimetterà (e magari solo in parte) chi ha investito a suo rischio e pericolo!! ...

    Un bel po' di titoli di Stato sono patrimonio delle banche italiane (e dei risparmiatori italiani).

    Ammettiamo che lo Stato decida di non rimborsare più parte del suo debito pubblico.

    Secondo te le banche come farebbero a far fronte ai propri impegni con i propri utenti?

    Credi proprio che non ci sarebbe uno shock almeno di alcune settimane in cui qualche banca fallisce, qualcun'altra chiude i rubinetti della liquidità?

    Nel frattempo le aziende come fanno ad operare? Con che soldi pagano i fornitori ed i propri dipendenti?

    Il default di uno Paese importante (nonostante tutto) come l'Italia sarebbe un disastro per tutti gli italiani (soprattutto quelli meno abbienti e per la classe media) e per l'intera Europa.

    Questo ovviamente secondo il mio parere...



    Ciao,



    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
    avatar
    spapix
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da spapix il Mar 13 Dic 2011, 10:16

    Secondo il mio, le banche hanno già chiuso i rubinetti alle piccole aziende, basta anche guardare i dati sui prestiti e mutui erogati sempre in continua discesa, le banche non hanno nessun impegno con chi ha acquistato titoli di stato fa solo da intermediario semmai è lo stato e ognuno se fa un investimento per guadagnare deve mettere il conto che può pure perderci, sinceramente ma potremo mai ripagare duemilamiliardi di euro di titoli di stato, però nel frattempo si sta distruggendo il settore produttivo lasciando migliaia di persone senza lavoro e bloccando l'ingresso per i giovani, di fatto aumentando il debito per non lasciarli morire di fame per tutelare banche e investitori.
    A mio parere meglio lo shock visto che già è un disastro solo per le classi meno abbienti e per la classe media che si sta trasformando in classe povera.
    avatar
    sebasann
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da sebasann il Mar 13 Dic 2011, 11:48

    Ciao spapix, il tuo ultimo post esprime alcune osservazioni giuste, ma la prima parte, quella che confuta le spiegazioni date da gastrac purtroppo non è corretta, anche alla luce di quanto avvenuto in Argentina nel 2001. E' vero che ci rimetterebbero, in primis, gli investitori in titoli di stato, italiani o stranieri non importa, ma ci sarebbe, in ogni caso una forte ripercussione sul fronte dell'occupazione e dell'inflazione.

    La prima, infatti, calerebbe ancora più drasticamente di quanto non lo sia oggi, a causa della mancanza di credito alle imprese (e non parlo delle grandi, ma di quelle medio-piccole ed artigiane) che sono la spina dorsale dell'economia italiana. La seconda, consistente in un aumento generalizzato e durevole dei prezzi dei beni e servizi, verrebbe generata dalla diminuzione del potere d’acquisto della nostra moneta (conseguenza del default=fallimento); quindi con la stessa somma di denaro si potrebbero acquistare meno beni e servizi o, in altre parole, i beni ed i servizi costerebbero molto di più, con una tendenza ad un'aumento costante.

    Inoltre, e l'Argentina, l'Irlanda ed altri paesi insegnano, sarebbe impossibile anche prelevare i propri risparmi (almeno in una prima fase del default) dal momento che le banche, non avendo più danaro contante, chiuderebbero gli sportelli Bancomat ed i prelievi sarebbero impossibili.
    Questo scenario tuttavia, si ripercuoterebbe solo su chi non ha avuto la possibilità (tutte le persone che lavorano o fanno impresa onestamente) di mettere al sicuro i propri soldi all'estero.

    Quindi, pur non condividendo affatto i provvedimenti iniqui del governo, spero tanto che non arriviamo al default perchè, per diversi anni sarebbe una sciagura.

    Ma, di contro, ritengo necessario fare pulizia di tutti i debiti contratti per favorire le speculazioni finanziarie delle banche e di tanti personaggi che vivono di rendita sulle nostre spalle, non avendo alcun ritegno ad arricchirsi a danno di tante persone che "tirano la carretta" e pagano più di tutti.

    Questo viene chiamato "default controllato", ossia onorare il debito contratto per finanziare quella parte che è destinata all'assistenza sanitaria, istruzione, le pensioni, finanziamento alle imprese produttive, e non pagare quella parte di debito che deriva dalla speculazione finanziaria.
    Allora, come dici tu, le aziende sane, quelle che producono lavoro e ricchezza, diverrebbero anche più competitive (naturalmente non rispettando più il rapporto con l'euro qual'è oggi - questo potrebbe comportare anche l'uscita dall'euro quale è oggi o passare ad un'euro di seconda categoria - in ogni caso sganciato dalla Germania - ammesso che le istituzioni internazionali ce lo permettano).
    Con questi passi, sono certo che la nostra economia si rimetterebbe in marcia, stante la maggiore competitività internazionale. Certo, questa scelta, ci costringerebbe, ad esempio, a non poter acquistare un nuovo telefonino e altri beni di importazione, dal momento che costerebbero tantissimo. Ma penso che ognuno di noi sia disposto a fare questo tipo di sacrificio pur di risolvere questa difficile situazione (e poi non è detto che i telefonini, non impariamo a farli anche in Italia, considerata la capacità e l'estro dei nostri operai e ricercatori che nessun governo ha mai sostenuto, privilegiando invece il potere finanziario).

    In ogni caso, saranno momenti tristi da vivere.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    avatar
    spapix
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da spapix il Mar 13 Dic 2011, 12:36

    Che saranno momenti tristi da vivere è sicuro
    però bisogna anche ragionare su idee diverse, non si può continuare così quando diremo basta; a mio parere ancora non ci siamo resi conto di ciò che sta per arrivare ricordo che tra Luglio e Dicembre sono state fatte manovre per centocinquantamiliardi e gli effetti sono tra il 2012 e il 1013, cioè altri consumi in calo e altra gente senza lavoro di conseguenza altra spesa pubblica per cassa integrazione. Io non sono un esperto di economia ma quanto si potrà andare avanti?
    avatar
    sebasann
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da sebasann il Mar 13 Dic 2011, 12:51

    spapix ha scritto:Che saranno momenti tristi da vivere è sicuro
    però bisogna anche ragionare su idee diverse, non si può continuare così quando diremo basta; a mio parere ancora non ci siamo resi conto di ciò che sta per arrivare ricordo che tra Luglio e Dicembre sono state fatte manovre per centocinquantamiliardi e gli effetti sono tra il 2012 e il 1013, cioè altri consumi in calo e altra gente senza lavoro di conseguenza altra spesa pubblica per cassa integrazione. Io non sono un esperto di economia ma quanto si potrà andare avanti?

    Hai perfettamente ragione, purtroppo.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    avatar
    andry83
    cruzista esperto
    cruzista esperto

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da andry83 il Mar 13 Dic 2011, 14:15

    Io vedo come unica soluzione una rivoluzione di enormi dimensioni oppure l'ascesa di un dittatore che chiuda per una 10 di anni le dogane......
    avatar
    peppino
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da peppino il Mar 13 Dic 2011, 22:02

    Ma voi sentite un pò la Mussolini cosa continua ancora a dire... furiosi11

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Ma vuole davvero prenderci per il cu.. a tutti noi??? furiosi11 furiosi11

    avatar
    quixo
    Admin
    Admin

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da quixo il Mer 14 Dic 2011, 00:03

    peppino ha scritto:Ma voi sentite un pò la Mussolini cosa continua ancora a dire... [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Ma vuole davvero prenderci per il cu.. a tutti noi??? [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


    Lo facesse sul serio almeno....e non solo lei.....


    _________________
    1418° iscritto

    Miniraduno Centro Commerciale Meduna  Pordenone (PN) - Febbraio 2012
    Raduno Nord-Est 16 settembre 2012 Spresiano (TV)
    Raduno Nord-Est 19 maggio 2013 Grado (GO)
    III° Raduno Nazionale  30 giugno 2013 Peschiera del Garda (VR)
    Raduno Nord-Est 05 ottobre 2014 Susegana (TV)
    Raduno Nord-Est 15 marzo 2015 Bassano (VI)
    Raduno Nord-Est/Ovest 18 ottobre 2015 Sirmione (BS)
    Raduno Nord-Est 09 ottobre 2016 Redipuglia (GO)



    Consumo medio globale (dal 22/04/11 ad oggi) = [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] pari a [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]






    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
    avatar
    gatstrac
    frequentatore
    frequentatore

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da gatstrac il Mer 14 Dic 2011, 08:09

    andry83 ha scritto:Io vedo come unica soluzione una rivoluzione di enormi dimensioni oppure l'ascesa di un dittatore che chiuda per una 10 di anni le dogane......

    Non mi sembrano grandi idee, nè la prima nè la seconda.

    Gli italiani dovrebbero curarsi di più della Cosa Pubblica, quello sì: partecipando più attivamente alla vita politica e sociale del Paese. Informandosi, votando scegliende sempre almen il meno peggio (e non chi promette mari e monti sapendo che qualcuno poi alla fine pagherà il conto), ma anche entrando nei partiti, nelle discussioni, negli enti locali. Solo così si smascherano e si fermano i delinquenti, perchè se si lascia a pochi lo Stato, questi ne faranno quasi sicuramente una cosa loro.

    ...ma finchè il livello dell'informazione media sarà tra il Grande Fratello e la Gazzetta dello Sport non vedo vie d'uscita Evil or Very Mad



    Ciao,

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
    avatar
    andry83
    cruzista esperto
    cruzista esperto

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da andry83 il Mer 14 Dic 2011, 09:44

    Non mi sembrano grandi idee, nè la prima nè la seconda.

    Infatti non sono grandi idee ma è l'unico modo per cancellare del tutto il tatrino politico che si è creato e per far riprendere l'economia anche se si dovesse ripartire tutti dal 19 secolo.....
    avatar
    Pier
    V.I.P.
    V.I.P.

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da Pier il Mer 14 Dic 2011, 10:41

    Purtroppo andry,ti do ragione...
    Come già detto in precedenza,ci vorrebbero cambiamenti a 360° per ribaltare questa situazione...
    Con questo,ripeto,non voglio certamente una rivoluzione o guerra civile,ma guardando la storia a quanto pare è la medicina più adottata in crisi profonde,e noi in questa crisi ci stiamo entrando non adesso,ma ci siamo già dentro dall'avvento dell'euro,con costi della vita aumentati sproporzionatamente senza che nessuno abbia mai e ripeto MAI fatto controlli....ecco perchè i nostri governi sono tutti falliti,destra o sinistra che sia,non hanno avuto il coraggio di imoporsi nella moneta unica e sopratutto non hanno mai e poi MAI tenuto conto dei problemi dell'italiano medio,inoltre facciamo veramenete SCHIFO perchè non riusciamo ad essere un paese autonomo(non sfruttiamo le energie rinnovabili,eolica,e di vento ne abbiamo,abbiamo la fiat,casa automobilistica di bandiera che si fa bagnare il naso da concorrenti obsolete,vedi la dacia,non produciamo più come una volta perchè importiamo dagli altri paesi ed esportiamo pochissimo,giusto pasta e pizza,compriamo l'energia dagli stati vicini,vergogna,abbiamo la basilicata che è una risorsa di petrolio e non abbiamo nemmeno un pozzo,compagnie petrolifere di bandiera che hanno i costi più alti degli altri)insomma non siamo più autosufficienti come prima,si vede che la battaglia del grano di una volta non serve più come esempio ed è dimenticata...
    E' questo che a me fa incaxxare di brutto,un bel paese come il nostro,governato da mafiosi e camorristi....
    avatar
    spapix
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da spapix il Mer 14 Dic 2011, 10:48

    Be permettimi di dissentire la rivoluzione non la fa nessuno in fondo non siamo alla fame e sul dittatore guardando in altri posti dove pultroppo esiste una dittatura non è che facciano i salti di gioia, io dico che affrontare i problemi sempre nello stesso modo è inefficace perchè se aumenti le imposte per ripianare il deficit crei disoccupazione e si ricrea deficit semplice bisogna fare unìazione forte e ce ne sarebbero come prima cosa eliminare l'esercito di dirigenti pubblici (che altro non sono che politici trombati incapaci) e compagnia bella che oltre a guadagnare stipendi assurdi creano voragini di bilancio che poi indovinate chi paga, questo si può fare solo privatizzando quelle che valgono e cancellando l'immensità di robe inutili (vedi società STREDDO DI MESSINA) una roba ignobile ma a fare l'elenco non so se basta il forum, questo vul dire anche che qualcuno rimane a casa non solo i dirigenti ma se andiamo a guardare in queste società ci finiscono sempre amici di amici e gente incapace di trovarsi un lavoro serio, cioè io non posso dire ai miei figli che non ho i soldi per fare la spesa perchè la Cruze consuma troppo in quel caso dovrei dire che non ho i soldi per fare benzina perchè i miei figli devono mangiare possibilmente anche bene e se proprio non posso permettermela la vendo così risparmio ancora di più al massimo prendo il tram invece lo stato fa il primo ragionamento per permettersi di continuare a viverenel lusso taglia dove non deve tagliare e mantiene tutti gli sprechi.
    avatar
    sebasann
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da sebasann il Mer 14 Dic 2011, 13:52

    Corruzione ed evasione fiscale sono i due problemi del nostro paese e, tra l'altro, sono in questo ci sguazzano i politici, i disonesti e la malavita organizzata. Tra l'altro, molto spesso e anche difficile distinguere l'appartenenza ad una di queste tre categorie: spesso combaciano. E, purtroppo, se dapprima la criminalità organizzata era presente solo al sud, da molti anni si è estesa in tutto il paese perchè la sua logica è "mangia e fai mangiare".
    avatar
    peppino
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da peppino il Mer 14 Dic 2011, 20:40

    gatstrac ha scritto:
    andry83 ha scritto:Io vedo come unica soluzione una rivoluzione di enormi dimensioni oppure l'ascesa di un dittatore che chiuda per una 10 di anni le dogane......

    ...................

    ...ma finchè il livello dell'informazione media sarà tra il Grande Fratello e la Gazzetta dello Sport non vedo vie d'uscita Evil or Very Mad



    Ciao,

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Purtroppo il male dell'italia è proprio questo: Lo scarso livello culturale degli italiani!!! No

    vladi
    novellino
    novellino

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da vladi il Mer 14 Dic 2011, 23:01

    peppino ha scritto:
    gatstrac ha scritto:
    andry83 ha scritto:Io vedo come unica soluzione una rivoluzione di enormi dimensioni oppure l'ascesa di un dittatore che chiuda per una 10 di anni le dogane......

    ...................

    ...ma finchè il livello dell'informazione media sarà tra il Grande Fratello e la Gazzetta dello Sport non vedo vie d'uscita Evil or Very Mad



    Ciao,

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Purtroppo il male dell'italia è proprio questo: Lo scarso livello culturale degli italiani!!! No



    Aggiungerei una buona dose di menefreghismo e qualunquismo.
    Per quanto tempo abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità senza porci il problema del futuro?
    Abbiamo sempre delegato senza partecipare e purtroppo queste sono le conseguenze arriva il supermario di turno che ci mette le mani in tasca ed eccoci pronti a recriminare.

    Forse un esamino di coscienza dovremmo farlo un pò tutti,non credete?sperando che non sia troppo tardi.
    D'altronde la storia ci insegna che a dominare il mondo la finanza è sempre stata predominante il potere di re e dittatori è sempre stato marginale.
    Oggi alla politica bisogna chiedere regole per limitare l'arroganza di qualche centinaio di finananzieri che dominano il mondo.

    Per costringere il potere politico a fare ciò penso che l'unica strada sia partecipare non solo con il voto ma con gli strumenti che la democrazia ci ha dato.

    Scusate il sermone saluti a tutti

    Vladi
    avatar
    terez
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da terez il Gio 15 Dic 2011, 10:18

    Ragazzi....in Italia....ci sono i mezzi e le misure per contrastare tutto quello che avete elencato sin ora.......deve partire da ogni singola persona la voglia di cambiare......ma purtroppo il "dio"denaro.....rimane per molti l'unica venerazione possibile...dato che ci hanno tolto tutto il resto.....e anche l'essere orgogliosi di far parte di questa Nazione!Io ho sempre sostenuto ...che i soldi ci sarebbero per tutti ......ma vengono gestiti con metodi alquanto dubbi e criminosi....lì bisogna intervenire.....dove si è inceppata la catena.......!!!!Incrociamo le dita...sopratutto per noi e le generazioni che dovranno ereditare questa situazione pietosa!!!!Non bisogna solo abbattersi ...ma cercare nel nostro piccolo di lottare e di avere speranza....che possiamo essere ancora....ITALIANI....a tutto tondo.....!!!!Un abbraccio
    avatar
    kalos1965
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da kalos1965 il Gio 15 Dic 2011, 11:45

    Comunque mi sembra giusto chiedere meno ai possessori di barche , aerei ed elicotteri rifacendosi sui ricchi fumatori !!!!! .
    avatar
    imik
    Admin
    Admin

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da imik il Gio 15 Dic 2011, 11:53

    kalos1965 ha scritto:Comunque mi sembra giusto chiedere meno ai possessori di barche , aerei ed elicotteri rifacendosi sui ricchi fumatori !!!!! .

    aggiungo solo una cosa.....ho letto un articolo giorni fa su un quotidiano della mia regione che i possessori di barche da diporto e non che per l'aumento dei costi di affitto del posto in marina dovuti ai vari aumenti entrati in vigore hanno dismesso affitti e baracchini spostandosi nella vicina Croazia dove i prezzi sono di gran lunga inferiori. Quindi come al solito fatta la legge trovato l'inganno.....i soldi lo stato non se li prende cmq. Vengono attinti come al solito da fonti sicure (vedi alimenti, tabacchi, carburanti)
    avatar
    sebasann
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da sebasann il Gio 15 Dic 2011, 17:31

    terez ha scritto:Ragazzi....in Italia....ci sono i mezzi e le misure per contrastare tutto quello che avete elencato sin ora.......deve partire da ogni singola persona la voglia di cambiare......ma purtroppo il "dio"denaro.....rimane per molti l'unica venerazione possibile...dato che ci hanno tolto tutto il resto.....e anche l'essere orgogliosi di far parte di questa Nazione!Io ho sempre sostenuto ...che i soldi ci sarebbero per tutti ......ma vengono gestiti con metodi alquanto dubbi e criminosi....lì bisogna intervenire.....dove si è inceppata la catena.......!!!!Incrociamo le dita...sopratutto per noi e le generazioni che dovranno ereditare questa situazione pietosa!!!!Non bisogna solo abbattersi ...ma cercare nel nostro piccolo di lottare e di avere speranza....che possiamo essere ancora....ITALIANI....a tutto tondo.....!!!!Un abbraccio

    Grande terez, senza parole difficili hai detto cose molto sagge.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    avatar
    kalos1965
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da kalos1965 il Gio 15 Dic 2011, 17:53

    ............. e siccome i ricchi fumatori pensano di evadere comprando tabacco e cartine , lo Stato , attento e vigile , si accinge a combattere l'evasione aumentando le accise sul tabacco trinciato .
    E' giusto rubare , pardon prelevare , ai ricchi e donare ai poveri .
    Il tutto in maniera equa .
    Ci sono alcune categorie di contribuenti che non potranno mai evadere : automobilisti , fumatori e lavoratori dipendenti .
    Queste pecore nere diffamano l'Italia , una Repubblica fondata sull'evasione , sulla frode , sulla bustarella .
    Per favore lasciatemi pagare i contributi sino a 99 anni . Festeggerò così il mio centesimo compleanno con ricchi premi e cotillion e potrò godermi finalmente un meritato ( ed eterno ) riposo dopo una vita di m....a .
    P.S: Egregio Dott.Monti , Le ricordo che la vasellina è gia un farmaco di fascia C e pertanto il Sistema Sanitario Nazionale non lo rimborsa , per cui le "manovre" del suo governo saranno indolori per noi e senza spese per voi .
    Un suo umile servo.
    P.S.P.S.: Vi è piaciuta la bicicletta ? ....... ed ora ... pedalareeeeeeeee !!
    avatar
    mawro
    V.I.P.
    V.I.P.

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da mawro il Gio 15 Dic 2011, 23:07

    peppino ha scritto:Ma voi sentite un pò la Mussolini cosa continua ancora a dire... furiosi11

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Ma vuole davvero prenderci per il cu.. a tutti noi??? furiosi11 furiosi11


    io non ne sentirei certo la mancanza.... anzi...
    su libero proprio ora leggo questo...............
    Da giorni sui giornali si parla del taglio degli stipendi parlamentari, dopo la bocciatura in commissione del comma 7 dell'art.23 della manovra finanziaria, comma che intendeva velocizzare l'adeguamento ai livelli europei degli stipendi parlamentari. E' tutta una grande presa in giro.

    Seppure ci fosse, non taglierebbero nulla e forse addirittura aumenterebbero lo stipendio dei nostri parlamentari!! Il trucco è stato ideato dall'apposita commissione governativa, la COMLIV (Commissione per il livellamento retributivo Italia-Europa) e si fonda su due particolari escamotage.

    Il primo è il restringimento della comparazione non ai 17 paesi dell'Euro o ai 27 dell'Unioner Europea, ma solo ai sei paesi europei più ricchi, dove i livelli retributivi per le cariche elettive sono molto più alte degli altri paesi.

    Il secondo è l'adozione, già prevista nel decreto estivo 98/2011 di Tremonti che ha istituito la commissione, del parametro del "trattamento economico omnicomprensivo": essendo una parte consistente dello stipendio parlamentare italiano "mascherato" nella tipologia di rimborsi forfettari per il soggiorno a Roma (3.500 euro mensili), delle spese per il rapporto eletto ed elettori (3.600 euro mensili) e nella gratuità di qualsiasi mezzo di trasporto aereo o ferroviario, la Commissione ha stabilito la contabilizzazione dei servizi che vengono offerti negli altri paesi dallo stato per l'espletamento del mandato parlamentare.


    Guarda la gallery
    L'Italia infatti è l'unico paese nel quale ai deputati vengono consegnati migliaia di euro al mese per il reclutamento del personale di segreteria, mentre negli altri paesi le persone di fiducia e di supporto del parlamentare vengono regolarmente assunte direttamente dalle camere con un contratto a termine.


    Un'ulteriore discrasia avviene in merito alle spese di viaggio per lo svolgimento del proprio mandato parlamentare che negli altri paesi europei vengono regolarmente rimborsati attraverso la consegna di una apposita e dettagliata rendicontazione.

    Il parametro del trattamento economico omnicomprensivo permette quindi di inserire le spese di personale nel computo dei paesi esteri, facendo in questo modo schizzare verso l'alto l'indice "salariale" dei deputati stranieri. Allo stesso modo le spese di viaggio non vengono contabilizzate nel calcolo degli stipendi parlamentari nostrani, mentre contribuiscono ad innalzare la media negli altri paesi.
    E alla fine, gira e rigira, va a finire che gli dobbiamo dare anche qualche soldo in più ai nostri "poveri" parlamentari...
    L'intervista al questore della Camera, l'on. Mazzocchi, lascia presagire proprio questo ribaltone...



    ---beh se fosse così.......... anzi.. lasciamo stare i commenti............
    m...e di uomini..................
    avatar
    peppino
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da peppino il Ven 16 Dic 2011, 20:05

    Io voglio solo sapere quando gli italiani si sveglieranno e metteranno su un casino tale da farli scappare all'estero a ste m...e furiosi11
    avatar
    mawro
    V.I.P.
    V.I.P.

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da mawro il Sab 17 Dic 2011, 14:06

    peppino ha scritto:Io voglio solo sapere quando gli italiani si sveglieranno e metteranno su un casino tale da farli scappare all'estero a ste m...e furiosi11

    quoto................
    avatar
    spapix
    cruzista affermato
    cruzista affermato

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da spapix il Gio 12 Gen 2012, 12:19

    Adesso siamo alla "fase due", già il fatto che ci si arrivi è un risultato visto che tutti i governi che si sono avvicendati in passato partivano in quarta aumentando le tasse per rimettere a posto i conti (fase uno) e poi il nulla, capitava sempre la sfiga che bloccava la fatidica fase due, adesso ci siamo e sopratutto vedremo queste liberalizzazioni, come sempre i taxi non mancano mai sarà che mediaticamente porta i suoi frutti dato che fanno sempre casino, Milano è in fermento e tra poco appena uscirà il decreto via alle proteste, io lavoro nel settore dei trasporti pubblici a Milano e francamente tutto sto impellente bisogno di nuovi taxi non lo noto a volte, è vero, davanti alla stazione di Milano si possono creare file di persone che aspettano un taxi ma è più frequente vedere numerosi taxi fermi ad aspettare qualche cliente. Detto questo gli amici taxisti dovrebbero fare un esame di coscenza quando fanno queste dichiarazioni [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] quindi forse qualcosa da cambiare in fondo c'è questo tipo di ragionamento "io evado tutto quello che posso" non è ammissibile quando "tutto quello che puoi" lo fanno pagare a me questo ragionamento insieme a "io frego tutto quello che posso" riferito alla nostra cara clesse di incompetenti politici ha portato l'Italia in questa situazione. A mio parere è giusto liberalizzare e sopratutto privatizzare tutte le società pubbliche (compreso dove lavoro io) in modo da ridurre sensibilmente il numero di dipendenti a carico dello stato e ridurre sopratutto tutti quei parassiti che siedono in consigli di amministrazioni o con incarichi dirigenziali che sono sistemati dai loro amici politici e che di sicuro una società privata manderebbe via a calci nel sedere data la completa incapacità, questo sarebbe un vero risparmio per lo stato. Per concludere, scusatemi ma io sono d'accordo con i controlli a Cortina o simili, è vero che basterebbe incrociare i dati del PRA per sapere a chi sono intestate le macchine di lusso ma attenzione l'agenzia delle entrate vuole sapere chi le guida visto che quasi sempre sono intestate a società come mezzi aziendali quindi visto che ti puoi pure scaricare le tasse le devi usare per lavorare non per andare in vacanza e se ti beccano a Cortina con la famiglia il 30 dicembre è dura dire che stai lavorando sopratutto se poi fiscalmente sei un morto di fame, vedrete che nei prossimi mesi le entrate saliranno in maniera considerevole perchè tanti capiranno che la festa è finita che il tempo dei furbi è momentaneamente sospeso (almeno sino alle prossime elezioni)
    avatar
    quixo
    Admin
    Admin

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da quixo il Gio 12 Gen 2012, 12:24

    Non posso che essere d'accordo con te spapix....
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


    _________________
    1418° iscritto

    Miniraduno Centro Commerciale Meduna  Pordenone (PN) - Febbraio 2012
    Raduno Nord-Est 16 settembre 2012 Spresiano (TV)
    Raduno Nord-Est 19 maggio 2013 Grado (GO)
    III° Raduno Nazionale  30 giugno 2013 Peschiera del Garda (VR)
    Raduno Nord-Est 05 ottobre 2014 Susegana (TV)
    Raduno Nord-Est 15 marzo 2015 Bassano (VI)
    Raduno Nord-Est/Ovest 18 ottobre 2015 Sirmione (BS)
    Raduno Nord-Est 09 ottobre 2016 Redipuglia (GO)



    Consumo medio globale (dal 22/04/11 ad oggi) = [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] pari a [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]






    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    robecc
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da robecc il Gio 12 Gen 2012, 13:37

    Concordo anch'io con l'analisi di Spapix e con Quixo.

    Aggiungo solo alcune speranze:
    1) che la lotta all'evasione fiscale (ricordo che nel 2010 il sommerso è stato stimato in circa 270 mld di euro, con un mancato gettito fiscale di circa 120 mld di euro... cioè circa 4 volte la manovra "lacrime e sangue" del governo Monti... la conclusione è scontata, maledizione!) prosegua senza sosta e senza guardare in faccia a nessuno, come promesso;
    2) che le maggiori entrate fiscali non finiscano nelle tasche dei soliti basta*** ma vengano utilizzate presto per abbassare la pressione fiscale in generale e quella in determinati settori in particolare (i carburanti in primis, e non solo per tutti noi utenti generici, per così dire, della strada: in Italia oltre l'80% del trasporto merci viaggia su strada...);
    3) che vengano presto fatte quelle riforme istituzionali di cui si ciancia da troppo tempo, in modo ormai insopportabile: riduzione del numero dei parlamentari nonchè del numero dei membri delle assemblee regionali, riduzione dei compensi (a qualsiasi titolo) dei parlamentari e dei rappresentanti regionali residui (questi ultimi, in molte Regioni, percepiscono emolumenti non dissimili da quello dei parlamentari nazionali), abolizione delle Province (siamo forse l'unico Paese al mondo, sicuramente Europeo, che ha 4 livelli di governo del territorio, con tutti gli sprechi e le disfunzioni connesse: Stato, Regione, Provincia e Comune, per non contare, in alcune Regioni, le Comunità Montane e altri simili enti pubblici parassiti), riduzione dei compensi (inclusi benefits, stock options e liquidazione) di manager pubblici e privati, arrivati a livelli indecenti... mi fermo qui, perchè altrimenti sconfino (se non l'ho già fatto) nell'utopia...


    avatar
    sebasann
    wikicruze
    wikicruze

    Re: Economia e politica, la situazione è drammatica

    Messaggio Da sebasann il Gio 12 Gen 2012, 14:26

    robecc ha scritto:Concordo anch'io con l'analisi di Spapix e con Quixo.

    Aggiungo solo alcune speranze:
    1) che la lotta all'evasione fiscale ... prosegua senza sosta e senza guardare in faccia a nessuno, come promesso;
    2) che le maggiori entrate fiscali non finiscano nelle tasche dei soliti basta*** ...;
    3) che vengano presto fatte quelle riforme istituzionali di cui si ciancia da troppo tempo, in modo ormai insopportabile: riduzione del numero dei parlamentari nonchè del numero dei membri delle assemblee regionali, riduzione dei compensi (a qualsiasi titolo) dei parlamentari e dei rappresentanti regionali residui,... abolizione delle Province ... , riduzione dei compensi (inclusi benefits, stock options e liquidazione) di manager pubblici e privati, arrivati a livelli indecenti...

    Per quanto riguarda la lotta all'evasione fiscale ed ai proventi derivanti dalla corruzione (pari almeno all'evasione fiscale), io da cittadino che paga le tasse sino all'ultimo centesimo, sono perfettamente in linea.
    Volevo chiarire, da ex funzionario dell'Agenzia delle Entrate, che i controlli tipo Cortina sono necessari perchè, essendo molte auto intestate a società, non basta il PRA ad individuare gli evasori. Infatti la persona fisica può dichiarare anche un bassissimo reddito ma non si può far risalire ad essa la proprietà dell'auto o quant'altro. Con questo tipo di controlli, invece, le persone che le utilizzavano devono dimostrare "l'afferenza" dell'utilizzo dell'auto (ossia che l'auto è realmente utilizzata per gli scopi della società), cosa che per uno che la usa per la vacanza è praticamente impossibile.
    In effetti la lotta all'evasione fiscale è stata sempre una scelta politica e vi posso assicurare che, se si volesse veramente fare, sarebbe abbastanza facile prendere i grandi evasori. Ma finora non è stato così.

    In ogni caso io aggiungerei, a quanto già quotato sopra, che le maggiori entrate vadano anche a sostenere le piccole imprese produttive, ossia quelle che sono sull'orlo del fallimento, che hanno sempre sostenuto l'economia italiana e creato occupazione.
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

      La data/ora di oggi è Ven 20 Ott 2017, 00:01